Centri

 

 

Home 
Introduzione 
Gestione 
Modello 
Pareggio 
Transizione 
Scarpette 
Storia 
Corsi 
Libri e Video 
Utensili 
Professionisti 
Centri 
Contatti 
D&R 
Novità 

 

 

La filosofia barefoot, pur potendosi attuare pressocché ovunque, non può prescindere della disponibilità da parte del conduttore della struttura ad operare le scelte necessarie. Infatti non è sufficiente avere degli spazi, più o meno ampi, in cui far vivere i cavalli, ma è invece fondamentale che tali spazi siano organizzati e gestiti in modo tale da indurre negli animali quello stile di vita, analogo a quello che la specie conduce allo stato naturale, in cui risiede il vero benessere dagli animali stessi.

Il crescente successo delle nostre idee ha indotto molti centri a proporsi come centri "a gestione naturale", quando invece la maggior parte di essi si limita semplicemente ad avere uno spazio, che anche se ampio, è lontanissimo dall'indurre i dovuti comportamenti. Quindi è sempre più comune vedere centri di questo tipo, in cui i cavalli sono semplicemente abbandonati a se stessi in luoghi ampi, ma non idonei; in cui il fieno è scelto a caso, quando non deliberatamente scelto di tipologia gravemente errata per i cavalli; in cui la distribuzione del fieno stesso è basata sulla comodità del conduttore (ad es. il ballone), il che comporta gravi danni ai cavalli; in cui le tipologie e le consistenze dei terreni non vengano tenuti nella minima considerazione; ecc. ecc.

Poiché in natura è l'ambiente che determina i comportamenti, perché i cavalli pongano in essere tali comportamenti occorre che vengano creati i giusti stimoli, senza i quali lo stile di vita sarà ben diverso da quello naturale (v. Gestione).

Come associazione cerchiamo quindi di suggerire quei centri che non solo abbiano operato le scelte corrette atte a creare gli stimoli adeguati, ma in cui vi sia anche la presenza stabile di un professionista certificato AANHCP che possa indirizzare ed accompagnare i proprietari lungo la via barefoot corretta, e che li conduca alla vera gestione naturale ed alla salute del proprio cavallo. Egli è anche il garante in prima persona della proposta barefoot attuata nel centro e unico responsabile della veridicità di quanto dichiarato all'associazione, che si limita a diffondere quanto dichiarato dal professionista stesso.

Infine non è da sottovalutare l'ambiente generale del centro per quanto riguarda gli esseri umani. In moltissimi centri infatti, il barefooter è per lo più un tollerato, in quanto con la sua gestione costituisce in qualche modo una sfida, per quanto non esplicita, per tutti gli altri frequentatori del centro stesso. Essi tenderanno quindi ad attaccarlo, a tollerarlo o ad emarginarlo, sottoponendolo spesso ad una notevole pressione psicologica. Centri che abbiano scelto di abbracciare le nostre idee sono quindi luoghi dove il barefooter potrà trovare anche per se stesso un ambiente sereno in cui godersi l'amato compagno equino.

I centri sottolencati, non solo tendono ad avere tutte le caratteristiche citate, ma anche la presenza di uno o più Paddock Paradise, la vera gestione naturalizzata, l'unica dimostratasi in grado, se ben impostata, di generare gli autentici comportamenti naturali.

 

 

Nome

Luogo

Professionista

AANHCP

Sito

Cascina Soleverde

Alfiano Natta (Al)

Luigi Borgis

www.cascinasoleverde.it

Centro Equestre Bosco della Serraglia

Dosson di Casier  (TV)

Ronny Volpin

www.ilcavallo.eu

Scuderie Fagianaia

Paganico (Gr)

Fiorenza Beltrame(supervisione Luca Gandini)

www.scuderiefagianaia.it

 

L'Isola dei Cavalli

Manziana (Roma)

Luca Gandini

www.isoladeicavalli.it

 

Nel caso la lista quì sopra, ancora peraltro assai limitata, non fornisse risposta adeguata, per la ricerca di un centro nella propria zona contattare l'associazione

barefoothorseitalia@fastwebnet.it

 

 


Copyright (c) 2011 BHI. Tutti i diritti riservati. Nessuna riproduzione concessa

barefoothorseitalia@fastwebnet.it